lunedì 13 agosto 2012

Semi di zoofilia #1




" Il povero non aveva nulla, se non una sola pecorella piccina che egli aveva comperato e allevato; essa gli era cresciuta in casa insieme con i figli, mangiando il suo pane, bevendo alla sua coppa e dormendo sul suo seno; era per lui come una figlia"

Bibbia, Secondo libro di Samuele 12,3






10 commenti:

  1. Bella citazione! Che, tra l'altro, sfata un pò la visione biblica dell'uomo come inevitabile carnefice degli animali. Buona settimana!

    RispondiElimina
  2. E pur non avendo nulla, non l'ha uccisa... perchè i cristiani non prendono spunto da queste piccole cose, invece che fare i loro porci comodi??

    RispondiElimina
  3. Sì, quella specifica pecora era per il povero come una figlia ed è bellissimo questo sentimento di pienezza affettiva che emana il passo della Bibbia, nonostante l'accento sulla povertà materiale.
    Si tratta però appunto di zoofilia (o anche di amore per i cosiddetti propri animali d'affezione). Comunque almeno si tenta di veicolare un'immagina diversa dell'animale, visto come individuo con il quale si può stabilire una relazione affettiva e non solo come merce, oggetto. Per quanto i verbi "non aveva nulla", "aveva comprato" ribadiscano il concetto di possesso dell'animale.

    Io consiglio sempre a tutti la lettura de Il vangelo secondo Gesù Cristo di Saramago. :-)
    Saluti. :-)

    RispondiElimina
  4. IL BRANO E RIFERITO AL PECCATO DI DAVIDE EDAL SUO PENTIMENTO DA QUESTO RACCONTO BIBLICO L'AGNELLO DEL POVERO VIENE UCCISO AL RISCATTO DEL PENTIMENTO DI DAVIDE...L'AGNELLO E RIFERITO A GESU' UCCISO PER I PERDONI DEI PECCATI....LEGGETE LA BIBBIA NON SI PRENDONO I BRANI PER COMODO E FAR CAPIRE L'OPPOSTO!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo il seguito di questo passaggio c'è scritto:

      " Ora, essendo venuto a quell’uomo ricco un viandante in casa, egli risparmiò il suo grosso e minuto bestiame, e non ne prese per apparecchiarlo al viandante che gli era venuto in casa; ma prese l’agnella di quel povero uomo, e l’apparecchiò a colui che gli era venuto in casa."

      Dunque mi pare di capire che il povero non avrebbe mai fatto del male alla sua pecorella, è stato il ricco che se l'è presa e l'ha servita come pranzo...
      Di conseguenza mi sembra che la mia citazione sia pertinente con il tema della zoofilia, a prescindere da ogni interpretazione religiosa in cui ammetto di non avere competenze.
      Saluti

      Elimina
  5. Che bel blog. E concordo con il commento di Volpina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sascha, grazie :-)
      Penso che questo piccolo passaggio dimostri che la Bibbia contiene tanti messaggi positivi, di cui poi però la Chiesa si dimentica spesso...
      un saluto

      Elimina
  6. davvero bello...peccato che spesso invece i cristiani sono portati a considerare gli animali come oggetti creati da Dio per loro...e lo scrive uno che conosce gli ambienti cristiani.
    al di la di tutto, complimenti per il blog, continuerò a seguirti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico, grazie mille :-)
      Benvenuto!

      Elimina
  7. Prendere pezzi di Bibbia e dargli il significato che si vuole è uno degli sport preferiti dall'umanità. Dunque, analizziamo il testo

    E IL Signore mandò Natan a Davide. Ed egli entrò da lui, e gli disse: Vi erano due uomini in una città, l’uno ricco, e l’altro povero.

    Il ricco avea del minuto e del grosso bestiame, in gran quantità;

    Ma il povero non avea se non una sola piccola agnella, la quale egli avea comperata, e l’avea nudrita, ed ella era cresciuta con lui e coi suoi figliuoli, mangiando de’ bocconi di esso, e bevendo nella sua coppa, e giacendogli in seno; e gli era a guisa di figliuola.

    Ora, essendo venuto a quell’uomo ricco un viandante in casa, egli risparmiò il suo grosso e minuto bestiame, e non ne prese per apparecchiarlo al viandante che gli era venuto in casa; ma prese l’agnella di quel povero uomo, e l’apparecchiò a colui che gli era venuto in casa.

    Allora Davide si accese grandemente nell’ira contro a quell’uomo, e disse a Natan: Come vive il Signore, colui che ha fatto questo ha meritata la morte;

    Ed oltre a ciò, conviene che per quella agnella ne paghi quattro; per ammenda di ciò ch’egli ha commesso questo fatto, e ch’egli non ha risparmiata quell’agnella.

    Allora Natan disse a Davide: Tu sei quell’uomo. Così ha detto il Signore Iddio d’Israele: Io ti ho unto per re sopra Israele, ed io ti ho riscosso dalle mani di Saulle;

    E ti ho data la casa del tuo signore; ti ho anche date le donne del tuo signore in seno, e ti ho data la casa d’Israele e di Giuda; e se pure anche questo era poco, io ti avrei aggiunte tali e tali cose.

    Perchè hai sprezzata la parola del Signore, per far ciò che gli dispiace? tu hai fatto morire con la spada Uria Hitteo, e ti hai presa per moglie la sua moglie, e [hai ucciso lui con la spada de’ figliuoli di Ammon.

    Ora dunque, la spada non si dipartirà giammai in perpetuo dalla tua casa; perciocchè tu mi hai sprezzato, e ti hai presa per moglie la moglie di Uria Hitteo.

    Tu hai linkato un esempio fatto da Natal per far capire a Davide che questi è andato contro ai desideri del Signore. Altro che Zoofilia.

    RispondiElimina